Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Scorrendo questa pagina, cliccando qualunque suo elemento o su "OK" acconsenti all'uso dei cookie. Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull’uso dei cookie cliccando QUI.

Domenica, 25 Giugno 2017

Seguici su 

 

Partecipa anche tu all'iniziativa Story Telling. Manda il tuo testo o il tuo video a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  per raccontare la tua esperienza con il concorso scuola 2012.

"Quota periscopica", il Blog di Pierluigi, CapoRedattore

Tutta colpa del sentiment

Il sentiment è una cosa seria. Non scherzo. Il sentiment infatti misura la percezione, l’opinione, positiva o negativa, che una persona ha di un argomento, di un servizio, di un prodotto. Ed è talmente seria che esiste la “Sentiment Analysis”, una disciplina che mira a determinare gli atteggiamenti delle persone, che poi siamo noi, rispetto a tutto ciò che accade e circola in rete.

Leggi tutto...

Anno che vieni, anno che vai

Oggi 6 gennaio, apro la mia agenda nuova. È strano, ma ho sempre percepito gennaio come il lunedì di un nuovo anno, faticoso e irritante come ogni inizio di settimana. E oggi è un po’ come l’ultima domenica delle vacanze: da domani si ricomincia a fare sul serio. Arriveranno nuovi impegni, con il loro carico di ansie, malesseri e incazzature varie, e senza dubbio anche con qualche soddisfazione. Ma tant’è, iniziamo.

Leggi tutto...

Bianciardi aveva ragione

In questi giorni ripenso spesso a Luciano Bianciardi. Mi tornano in mente i suoi splendidi libri, le sue feroci invettive contro il cosiddetto progresso che sembrava allora emancipare le persone, e che invece le avrebbe incatenate per sempre. Parliamo della fine degli anni cinquanta e dei primi anni sessanta. Milano. La società italiana andava incontro a una serie di trasformazioni epocali; vedeva cambiare rapidamente, forse troppo, il suo sistema economico da rurale-industriale a industriale-finanziario, con il conseguente mutamento del tenore e dello stile di vita, dei rapporti tra le persone, sensibilmente peggiorati e dominati da un rampantismo sociale spietato. Così anche in quel mondo della cultura che Bianciardi iniziò a frequentare sempre meno assiduamente, lui maremmano dissacrante in esilio, arrivato a Milano per partecipare alla fondazione della Feltrinelli e refrattario ad ogni tipo di compromesso.

Leggi tutto...

Social, ma non troppo

In questo momento mi trovo in Molise, in un paesino piccolo piccolo: San Pietro Avellana. È un posto bello, famoso per il suo pregiato tartufo bianco. Sono qui per questioni di famiglia, e tutto va per il meglio, tranne una cosa: nella casa che mi ospita la connessione internet è molto debole, spesso assente. Qual è il punto, quindi? Mi è quasi impossibile leggere la posta e utilizzare i social network. Mi rendo subito conto che oggi questo può rappresentare un grande problema, almeno per me, o così almeno sembra. Si è tagliati fuori da tutto. Un vero e proprio dramma. Prima di partire ho avvisato preventivamente tutti gli “amici” della rete; ho detto loro che sarei andato in una zona poco coperta e che quindi avrei avuto difficoltà a collegarmi in rete. In poche parole, non avrebbero dovuto temere per un mio eventuale e prolungato silenzio (almeno un paio di giorni abbondanti). Sarei tornato presto, il prima possibile. Promesso. Anzi, ve lo giuro.

Leggi tutto...

Buongiorno

Sono le cinque di mattina. Mi sveglio per la forte pioggia che cade incessante da ieri e mi faccio un caffè. Accendo il pc e vado a guardare la posta. È arrivata un’email alle 4:17. È di Susi Menegatti. Mi chiedo: “Si sarà appena svegliata o è andata a dormire adesso?” E penso: “Certo che noi idonei siamo mezzi matti.” Clicco e apro l’allegato. È il suo contributo a una proposta di formazione scritto in collaborazione con Michela Vigna Taglianti (bello il doppio cognome, mi ha sempre affascinato). Ottimo, si aggiunge un altro tassello. Lo girerò più tardi a Cecilia Carleo così ci portiamo avanti con il lavoro. Apro Facebook. Claudio Erra, geniale e infaticabile webmaster di Newscuola (chissà perché mi fa sempre più pensare a “Doc”, lo scienziato pazzo di “Ritorno al futuro”, ricordate?), mi ha taggato per ben due volte che era quasi l’una di notte. “Che vorrà?”, mi chiedo con una puntina di inquietudine. In realtà, insieme a me ha taggato altri tre sventurati: Angelo Palumbo, Erminia Capone e Silveria Conte.

Leggi tutto...

Quota Periscopica


quota periscopicaIniziare un nuovo blog è sempre un’emozione particolare, non c’è dubbio. Iniziarne uno in una testata dedicata al mondo della scuola ancor di più.

Leggi tutto...

Dicono di noi

 

AFAM

 

La Consultazione

 

La Buona Scuola

 

I nostri video.

Contatore visite

001567131
Oggi
Ieri
Settimana corrente
Settimana scorsa
Mese Corrente
Mese Scorso
Totale
365
874
5970
1556220
18298
23025
1567131

Reg. tribunale di Napoli aut.n.08 del 11/02/15