Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Scorrendo questa pagina, cliccando qualunque suo elemento o su "OK" acconsenti all'uso dei cookie. Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull’uso dei cookie cliccando QUI.

Sabato, 19 Agosto 2017

Seguici su 

 

Partecipa anche tu all'iniziativa Story Telling. Manda il tuo testo o il tuo video a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  per raccontare la tua esperienza con il concorso scuola 2012.

Scuola e Lavoro

Scuola, Commissione Ue archivia procedura infrazione su precari

 

Giannini e Gozi: “Con la Buona Scuola date risposte strutturali”

La Commissione europea ha archiviato la procedura di infrazione nei confronti dell’Italia sul lavoro a tempo determinato nel settore della scuola pubblica, aperta nel 2010.

“Con la Buona Scuola abbiamo dato una risposta credibile a problemi lasciati irrisolti per anni, come quello del precariato storico. A certificarlo, ora, è anche la Commissione Ue con questa archiviazione che dà conferma della serietà del nostro operato”. Così il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, e il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega agli Affari europei, Sandro Gozi.

“Con la Buona Scuola - proseguono Giannini e Gozi - interrompiamo la pratica di utilizzare i contratti a tempo determinato, in modo reiterato, per coprire posti che risultano vacanti. Si tratta di un risultato importante che testimonia lo sforzo di questo Governo nel dare soluzioni strutturali alle esigenze della scuola. Non ci siamo limitati solo a questo, siamo andati oltre creando 55.000 nuovi posti in organico per il potenziamento dell’offerta. Non eravamo obbligati a farlo. Abbiamo fatto una scelta precisa di arricchimento del sistema di istruzione nell’interesse dei nostri studenti e guardando al loro futuro”.

Fonte MIUR

Roma, 19 novembre 2015

 

La Buona Scuola, inviate 48.794 proposte di assunzione per la Fase C

Giannini: “Più insegnanti e competenze, restituiamo alla scuola ciò che le è stato tolto”

 

 

Clicca qui per scaricare la distribuzione delle proposte di nomina in Fase C per regione.

Sono 48.794 i docenti che alle 16.00 di oggi hanno ricevuto una proposta di contratto a tempo indeterminato nell’ambito della terza e ultima fase (fase C) del Piano straordinario di assunzioni previsto dalla Buona Scuola, quella che riguarda il nuovo organico del potenziamento.

“Oggi assumiamo altri quarantanovemila insegnanti che andranno a potenziare l’offerta formativa delle nostre scuole, con più arte, più musica, più educazione alla cittadinanza, più lingue. Stiamo invertendo la rotta rispetto ad un passato recente fatto di tagli di risorse e di docenti. Con il piano straordinario di assunzioni stiamo restituendo alla scuola ciò che le è stato tolto”. Così il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini. “Entro il 2018, con il piano straordinario di assunzioni e poi attraverso il concorso e con la copertura a regime dei posti vacanti e disponibili, avremo assunto complessivamente oltre 180.000 persone”.

Leggi tutto...

Revisione dei percorsi di Istruzione professionali

La Buona Scuola, lo scorso 20 Ottobre il quarto tavolo sulle deleghe al governo. Centro del confronto: la revisione dei percorsi di Istruzione professionale.

Lo scorso 20 Ottobre, al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, si è tenuto il quarto dei cinque tavoli voluti dal Ministro Stefania Giannini sulle deleghe che la legge “Buona Scuola” affida al Governo. Al centro dei lavori la revisione dei percorsi di Istruzione professionale. Il dibattito è stato presieduto da Francesco Luccisano, capo della Segreteria tecnica del Miur.

A dare il proprio contributo al confronto sono state le rappresentanze dei genitori, degli studenti, dei dirigenti scolastici e degli insegnanti; delle imprese e del mondo del lavoro; degli Enti di formazione e delle Regioni. Il gruppo di lavoro sull’Istruzione professionale tornerà a riunirsi nelle prossime settimane per la definizione del provvedimento che il Governo dovrà emanare.

E’ stato convocato invece per giovedì 29 ottobre alle ore 15, sempre presso il Miur, il tavolo sulla Formazione iniziale dei docenti e l’accesso all’insegnamento.

Fonte: MIUR

 

Deleghe sul sistema di educazione da 0 a 6 anni

La Buona Scuola, oggi il terzo tavolo sulle deleghe. Al centro il sistema di educazione da 0 a 6 anni

Nuovo incontro di ascolto e confronto sulle deleghe che la legge "Buona Scuola" affida al Governo. Oggi pomeriggio, al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, si è riunito il terzo dei tavoli voluti dal Ministro Stefania Giannini. Al centro dei lavori – che sono stati presieduti dal Sottosegretario Davide Faraone - il sistema integrato di educazione e istruzione dalla nascita ai 6 anni.

“Riformare il sistema di educazione da zero a sei anni – ha spiegato il Sottosegretario Faraone - è un obiettivo ambizioso al quale stiamo lavorando incontrando esperti del settore, sempre in una dimensione di ascolto e confronto costruttivo. Un obiettivo ambizioso e dovuto. Un Paese che investe sui diritti dei bambini e delle bambine – ha aggiunto il Sottosegretario - è un Paese rivoluzionario. Rivoluzionario e determinato a conquistarsi il proprio futuro di ricchezza, grazie all’investimento sul proprio capitale umano”.

Al tavolo di oggi sono intervenute le associazioni dei genitori, dei docenti, degli studenti e dei dirigenti, docenti universitari ed esperti del settore, l’Anci (Associazione nazionale dei comuni italiani), i delegati della Conferenza Stato-Regioni e i rappresentanti delle scuole paritarie e del privato sociale.

Leggi tutto...

Comunicato Stampa del Movimento Nazionale Docenti Scuola Infanzia (MONDOSI)

Scuola, Movimento Nazionale Docenti Scuola Infanzia: “A che gioco gioca il MIUR con la richiesta di mandare la domanda ai docenti infanzia nelle fasi B e C?”

"Ci chiediamo, ormai a giochi fatti, quale sia stato il senso di far produrre la domanda di assunzione nella fase B ai docenti della scuola Infanzia”. È quanto afferma Nunzia Cangiano, portavoce del gruppo Movimento Nazionale Docenti Scuola Infanzia (MONDOSI), in una nota stampa, il giorno dopo la chiusura della fase B delle assunzioni della Buona Scuola.

La legge è rivolta a tutte le cdc. In nessuna parte della legge si evince che la scuola dell’Infanzia sia esclusa dal piano di assunzioni. Il Miur nel produrre le mail della proposta di assunzione, e poi nel respingerla, non differenzia il trattamento rispetto alle altre cdc, invia mail uguali per tutti”.

“Quindi provocatoriamente noi del MONDOSI diciamo: è stata l'ennesima beffa mandare una domanda di assunzione sapendo che non sarebbe in nessun caso stata accolta per i docenti Infanzia? Oppure il Miur tratta la scuola dell'Infanzia come gli altri ordini di istruzione? Nessuna legge o CCNL può essere concepita per una categoria esclusiva di lavoratori piuttosto che per un'altra. Se si respinge, in ugual modo per tutti,  la proposta di assunzione,  anche il trattamento non dovrà avere disparità.”

Leggi tutto...

Sottocategorie

I nostri video.

Contatore visite

001606183
Oggi
Ieri
Settimana corrente
Settimana scorsa
Mese Corrente
Mese Scorso
Totale
957
610
4067
1598262
11293
23440
1606183

Reg. tribunale di Napoli aut.n.08 del 11/02/15