Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Scorrendo questa pagina, cliccando qualunque suo elemento o su "OK" acconsenti all'uso dei cookie. Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull’uso dei cookie cliccando QUI.

Sabato, 19 Agosto 2017

Seguici su 

 

Partecipa anche tu all'iniziativa Story Telling. Manda il tuo testo o il tuo video a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  per raccontare la tua esperienza con il concorso scuola 2012.

Scuola Economia e Fisco

Fondo di finanziamento alle scuole

Cambiano i criteri per l’assegnazione . Raddoppiata la quota-alunno, incentivi per istituti capofila di Reti. Individuati i parametri per le risorse sull’alternanza .

Cambiano i criteri per l’assegnazione del Fondo di funzionamento alle scuole. Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, ha infatti firmato il decreto di revisione dei parametri in base ai quali le istituzioni scolastiche ricevono ogni anno la quota di finanziamento statale.

Si tratta di un’altra delle novità introdotte dalla Legge La Buona Scuola per dare alle scuole risorse non solo più consistenti, ma anche calibrate sulle loro specificità, dalla tipologia di indirizzo alla numerosità degli alunni.

I nuovi parametri si applicheranno a partire dall’anno scolastico 2016/2017 e tengono conto dei nuovi indirizzi nati dopo la riforma delle superiori (come il liceo musicale, il liceo sportivo e delle scienze applicate) e di realtà come i CPIA, Centri Provinciali per l’Istruzione degli Adulti, rivisti di recente. Con il decreto, frutto della raccolta di suggerimenti dei dirigenti scolastici, viene aumentata la quota per alunno assegnata alle scuole: per le primarie lo stanziamento passa da 8 a 20 euro, per gli Istituti tecnici da 24 a 36.

L’incremento della quota di finanziamento per studente, l’aumento delle risorse integrative previste per gli alunni diversamente abili, gli incentivi destinati alle scuole capofila di Reti per la formazione del personale, l’acquisizione di beni e di servizi e per il supporto amministrativo-contabile (1.000 euro in più a disposizione), risorse aggiuntive per le scuole con corsi serali, per le scuole ospedaliere e carcerarie, una quota aggiuntiva (di 12 e 20 euro, a seconda del grado di istruzione) per le classi terminali, a supporto degli Esami di Stato: sono alcune delle novità previste dal decreto. Nello stesso atto sono contenuti i criteri per la distribuzione delle nuove risorse per l’alternanza scuola-lavoro (100 milioni all’anno) previste da La Buona Scuola. In questo caso i nuovi criteri entreranno a regime già a partire dal mese di gennaio 2016.

Leggi tutto...

Carta docente e bonus

Bonus per la formazione dei docenti: inviate alle scuole le indicazioni operative 

Inviate alle scuole le indicazioni operative sui 500 euro che, in base a quanto previsto dalla Buona Scuola, i docenti potranno utilizzare per l’acquisto di corsi e materiali per l’autoaggiornamento. La prossima settimana tutti i docenti di ruolo riceveranno la somma di 500 euro sullo stesso conto corrente sul quale viene normalmente accreditato lo stipendio in attesa della vera e propria Carta elettronica del docente che sarà attivata nel 2016.

La prossima settimana riceveranno il bonus tutti i docenti di ruolo delle scuole statali che risultavano in servizio alla data del 9 ottobre. I docenti assunti successivamente riceveranno anche loro il bonus, sempre di 500 euro, entro un mese dalla data dell’assunzione.

Come indicato dalla circolare inviata oggi, la Carta può essere utilizzata per:

Leggi tutto...

La cultura contributiva al centro del Progetto Fisco e Scuola

Diffondere la cultura contributiva

Uno dei principali obiettivi che si propone l'Agenzia delle Entrate nello svolgimento delle sue funzioni istituzionali è quello di diffondere la cultura contributiva, intesa come "educazione" alla concreta partecipazione dei cittadini alla realizzazione e al funzionamento dei servizi pubblici. Il mondo della scuola è sicuramente una delle sedi più indicate per trasmettere tale messaggio, come dimostrato dai progetti realizzati negli ultimi anni tra l’Agenzia delle Entrate e Istituzione scolastica.

Leggi tutto...

Festival dell’Economia di Trento

Dal 29 maggio al 02 giugno 2015 il concorso di economia per studenti delle scuole secondarie 

 Il concorso intende promuovere una più solida e diffusa cultura economica tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di tutti gli indirizzi scolastici, contribuendo, in questo modo, al miglioramento della crescita culturale del Paese. Altra finalità è quella di favorire l’esercizio di una cittadinanza attiva fondata sulla capacità di compiere scelte razionali, critiche e responsabili, di fronte ai fenomeni della realtà economica, fornendo ai giovani gli strumenti culturali e metodologici utili a tale scopo.

Lo scopo del concorso è sia sottolineare la vocazione al dialogo dell’economia con le discipline degli altri ambiti del sapere: storico-filosofico, quantitativo, linguistico, sia diffondere l’interesse per i temi economici introdotti, anche, nei percorsi liceali dal recente riordino con la nascita del Liceo Economico Sociale.

Leggi tutto...

Giornata di scadenze per la scuola

Tante scadenze oggi 

 

La Banca D’Italia e la Ragioneria generale dello Stato hanno fissato per oggi, 12 dicembre 2014,  l’emissione speciale di un Cedolino.  Tale emissione è conforme  alla circolare di attuazione n.39 del 22 dicembre 2010 cd. Cedolino Unico. Ciò, consentirà, in altri termini, il pagamento delle retribuzioni arretrate al personale supplente e saltuario  della scuola.

Leggi tutto...

I nostri video.

Contatore visite

001606186
Oggi
Ieri
Settimana corrente
Settimana scorsa
Mese Corrente
Mese Scorso
Totale
960
610
4070
1598262
11296
23440
1606186

Reg. tribunale di Napoli aut.n.08 del 11/02/15