• Bruno Ventura

Come verranno salvaguardati i diplomati magistrali


I diplomati magistrali attendono un provvedimento che sgombri definitivamente il campo dalle tante notizie distorte che circolano in rete. In particolare attendono l'aggiornamento delle graduatorie di istituto, alle quali verranno aggiunte le graduatorie provinciali da cui attingere per i contratti a termine. In questi giorni sta circolando in rete una bozza di decreto che contiene importanti disposizioni per la regolare conclusione dell'attuale anno scolastico e l'avvio di quello del 2020/2021. Lo stesso ministro dell'istruzione Lucia Azzolina le aveva già anticipate nel corso di una sua diretta Facebook. Possiamo senz'altro anticipare che potranno tranquillamente continuare a lavorare.

I tanti diplomati magistrali che sono stati depennati dalle Gae potranno ancora usufruire dei contratti di supplenza a partire dal mese di settembre del 2020. Questa disposizione sarà contenuta nel prossimo riferimento normativo che verrà licenziato dal prossimo Consiglio dei Ministri.

I motivi dello slittamento del Consiglio dei Ministri a domenica

Il ministro dell'istruzione Lucia Azzolina non avrebbe autorizzato un secondo passaggio parlamentare per proseguire poi con il Consiglio dei Ministri necessario per l'approvazione del decreto sulla fine dell'anno scolastico. Per questi motivi, è slittato da oggi (venerdì 3) a domenica 5 aprile.Questo comportamento ha suscitato le ire di diversi deputati e senatori che le hanno mandato a dire di averli presi in giro." cit. I tuoi atteggiamenti fanno male alla scuola".

Qualche portale scolastico frettolosamente già titolava che l'aggiornamento delle graduatorie d'istituto sarebbe stato rinviato all'anno prossimo. A quanto ci risulta non esiste ancora nessun documento ufficiale che possa confermare questa circostanza. Secondo alcuni rumors di origine parlamentare non ci sarebbe da sorprendersi se al vertice del ministero ci fosse presto addirittura un avvicendamento. Sarà dunque bene attendere che venga svolto il Consiglio dei Ministri relativamente alla prosecuzione dello stato di isolamento fino a tutto questo mese di aprile per comprendere come terminerà l'attuale anno scolastico e decidere come inizierà il prossimo.

A breve verrà data comunicazione di quando ci sarà questa riunione.

Graduatorie provinciali

I diplomati magistrali verranno inseriti in apposite graduatorie provinciali per il conferimento di supplenze brevi. Analoga disposizione sarà disposta per gli incarichi a tempo determinato sul sostegno. Con cio' non vuol dire che le graduatorie di istituto saranno abolite. Continueranno ad esistere fintanto che vi ci si troveranno docenti. Vale la pena ricordare da quale riferimento normativo discende la disposizione appena descritta. Si tratta del DL 126/2019 convertito con la Legge 159/2019.

Il salvataggio dell'anno di prova

L'altra preoccupazione è legata allo svolgimento dell'anno di prova che molti di loro stanno conducendo attualmente.

A breve partiranno i laboratori previsti per poter concludere l'anno ed ottenere la valutazione finale per la conferma in ruolo. Vediamo sinteticamente quanto appare nella bozza di decreto distribuita ai sindacati. In relazione al periodo di formazione e prova del personale docente ed educativo, esclusivamente per l’anno scolastico 2019/2020, le attività di verifica da parte dei dirigenti tecnici, previste nel caso di reiterazione del periodo di prova ai sensi dell’articolo 1, comma 119, della legge 13 luglio 2015, n. 107, qualora non effettuate entro il 15 maggio 2020, sono sostituite da un parere consultivo reso dal dirigente tecnico in sede di comitato di valutazione di cui all’articolo 1, comma 117, della legge citata.

0 visualizzazioni

Iscriviti alla nostra Newsletter, per non perderti nessuna notizia!

  • White Facebook Icon

© 2020 Newscuola.it. by PrincipatoDesign.